Orselina, Convento della Madonna del Sasso, Codice II
Creative Commons License

Descrizione di Marina Bernasconi Reusser, 2011.

Visione d'insiemeFacsimileCaricare XMLStampare descrizione
Titolo del codice: Antiphonarium de tempore (I)
Luogo di origine: Italia settentrionale
Datazione: XIV sec. (primi decenni)
Supporto materiale: Pergamena
Dimensioni: I-II + 162 + III (carte di guardia moderne, applicate durante l’ultimo restauro)
Formato: 540 x 384 (c. 11)
Numerazione delle pagine:
Composizione dei fascicoli: 6 IV 48 + III 54 + 13 IV 158 + II 162 .
I fascicoli iniziano col lato carne, la regola di Gregory (alternanza tra lato pelo e lato carne) è rispettata.
Condizione:
Disposizione della pagina: a piena pagina, 8 linee di testo e 8 tetragrammi.
Nel margine superiore e inferiore visibili i fori per le linee verticali, nel margine esterno quelli per la rigatura; non ci sono i fori per i righi della notazione musicale (per la tecnica di esecuzione v. Giovannini, Rapporto di restauro, p. 3-4).
Rigatura per il testo eseguita con mina di piombo, quella per la musica ad inchiostro rosso; specchio di scrittura 360 x 250 (c. 11).
Le righe verticali sono doppie, così come quelle che definiscono lo spazio che deve contenere la scrittura.
Tipo di scrittura e mani: scrittura gotica corale.
Notazione musicale: Notazione musicale quadrata a inchiostro nero su tetragramma a inchiostro rosso.
Decorazione:
Aggiunte: Aggiunte posteriori
Legatura: 550 x 390 x 75.
Legatura in piena pelle marrone, quella del dorso è stata rinnovata in occasione dell’ultimo restauro. La coperta è rinforzata sui quattro lati da lamine di ottone, senza decorazione, applicate con molti chiodini pure di ottone. Agli angoli esterni (sul lato posteriore solo sui lati esterni) cantonali fissati con bulloni, due dei quali sono collocati anche al centro dei lati lunghi. Al centro dei piatti si trova una rosetta circolare con il bordo seghettato al cui centro è fissata una borchia. La chiusura attuale è costituita da due bindelle di pelle con asola in metallo, che si agganciano ai due tenoni applicati sulla coperta anteriore. Sul piatto anteriore si trova capovolta (perchè originariamente questo era il piatto posteriore, invertito in occasione di un antico restauro) un’etichetta antica cartacea con il titolo in inchiostro nero Ant(iphonarium) de adventum
La legatura attuale è frutto dell’ultimo restauro; per una ricostruzione della situazione precedente e delle manomissioni subite nel corso dei secoli v. Rapporto di restauro Giovannini, pp. 6-11.
Contenuto:
Antiphonarium de tempore (I). Contiene la prima parte dell'Antifonario (dalla vigilia della prima domenica di Avvento fino alla quinta domenica dopo l’Epifania) ed una scelta delle feste del Proprio dei Santi (dalla Vigilia di S. Andrea all'Annunciazione).
L'Ufficio per S. Lucia (cc. 21v-24r, cf. S. P. J. Van Dijk, Sources of the modern liturgy, The Ordinals by Haymo of Faversham and Related Documents (1243-1307), Leiden, vol. II (1963), 122-123) è inserito nel Proprium de Tempore.
  • 1. 1r- 128r Antifonario de tempore
    >In nomine domini (su un pezzetto di pergamena aggiunta?). Incipit antiphonarium fratrum minorum consuetudine romane curie. In primo sabbato de adventu ad vesperas capitulum.< Fratres scientes. 'Resp.' Deo gratias. Et sic respondetur in fine omnium capitulorum totius anni. Ymnus Conditor. Versus Rorate celi …–… 127v [Dominica quinta post epyphaniam] ad Magnificat antiphona Colligite primum dicit dominus. Psalmus. Magnificat.
    Cf. Van Dijk, 23-62.
  • 2. 128r-162r Scelta di uffici dal Proprium de sanctis (tra questi S. Andrea, S. Agnese, Purificazione della Vergine, S. Agata e Annunciazione
    [In vigilia S. Andree apostoli] Unus ex duobus …–… 159v [In annunciatione S. Marie] ad Magnificat antifona Gabriel angelus fructus ventris tui. Psalmus. Magnificat.
    Cf. Van Dijk, 121-133.
  • 162v bianca. Originariamente la carta era incollata all'interno della coperta posteriore.
Origine del manoscritto: Sicuramente l’antifonario è stato prodotto per un convento di francescani come denuncia la rubrica a c. 1r: Incipit antiphonarium fratrum minorum secundum consuetudinem romane curie. Non si può escludere però che questa rubrica sia stata eseguita in un secondo tempo su di un precedente testo eraso.
Lo stile delle iniziali miniate, i cui esempi più vicini si trovano nella miniatura padovana della fine del sec. XIII e della prima metà del sec. XIV (per es. il Ms. 328 di probabile origine padovana con iniziali miniate che presentano il motivo dei draghetti, databile agli inizi del XIV sec. (v. G. Abate - G. Luisetto, Codici e manoscritti della Biblioteca Antoniana, Vicenza 1975, vol. 2, 607, fig. 46), e le analogie con il graduale sia per quanto riguarda le caratteristiche paleografiche, codicologiche e stilistiche, confermano anche per questo manoscritto una datazione ai primi decenni del sec. XIV.
Per quanto riguarda la presunta esecuzione del manoscritto in un ipotetico scriptorium del convento di S. Francesco di Locarno, sostenuta dagli studiosi che si sono occupati precedentemente del codice, si veda quanto detto a proposito della provenienza del graduale.
Provenienza del manoscritto: Unitamente al graduale ed agli antifonari III e IV il codice fu in uso al convento di S. Francesco di Locarno fino alla soppressione dello stesso avvenuta nel 1848.
Acquisizione del manoscritto: A seguito della soppressione del convento di S. Francesco di Locarno, avvenuta nel 1848, l'antifonario, unitamente al graduale ed agli antifonari III e IV fu probabilmente trasportato presso il convento della Madonna del Sasso di Orselina - affidato ai cappuccini - dove ricevette la segnatura "25-235 II" (etichetta cartacea moderna originariamente applicata sul dorso, dopo il restauro conservata separatamente).
Attualmente appartiene allo Stato del Canton Ticino e si trovano in deposito presso il convento dei cappuccini della Madonna del Sasso di Orselina.
Bibliografia:
HomeInformazioniNewsContattiTutela dei dati© 2013 e-codices