Documenti: 1458, Mostrati: 1181 - 1200

Tutte le biblioteche e collezioni

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 711
Pergamena · 240 pp. · 29 x 20.5 cm · Engelberg · seconda metà del sec. XII
La Abbreviatio Decreti "Quoniam egestas"

Il manoscritto risale alla seconda metà del sec. XII e trasmette la Abbreviatio Decreti "Quoniam egestas", una edizione ridotta del Decretum Gratiani con glosse. Il testo rappresenta il più antico testimone databile dello studio del Decretum Gratiani in Francia. Scrittura e decorazione lasciano supporre che il manoscritto sia stato realizzato forse a Engelberg all'epoca dell'abbaziato di Frowin. Dal 1461 il manoscritto si trova nel monastero di S. Gallo. (len)

Online dal: 20.12.2012

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 715
Pergamena · I–II+1–195 pp. · 30.5 x 20 cm · Francia · ca. 1193-1200 (glosse sicuramente prima del 1215)
Compilatio prima cum glossis et glossa ordinaria

Questo manoscritto di diritto canonico contiene sotto la denominazione Breviarium extravagantium o Compilatio prima una nota raccolta di decretali papali compilata da Bernardo di Pavia, il primo decretalista, intorno al 1189-1190. Oltre a delle non meglio precisate glosse più antiche, su alcune pagine si ritrovano accanto alle due colonne del Textus inclusus degli estratti dall’apparato di glosse di Tancredi di Bologna nella prima recensione, da lui redatta intorno al 1210-1215. Il testo, le iniziali e le glosse risalgono alla fine del sec. XII, rispettivamente inizio del sec. XIII, e sono stati realizzati in Francia. (len)

Online dal: 19.12.2011

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 718
Pergamena · 431 pp. · 31 x 22 cm · Italia (?) · secondo quarto del XV sec.
Guilelmus Horborch: Decisiones novae Rotae

Il manoscritto, redatto probabilmente nel secondo quarto del XV secolo in Italia, contiene la raccolta delle decisioni giudiziarie della Rota Romana del canonista Wilhelm Horborch († 1384). Il codice giunse probabilmente nella biblioteca del monastero di S. Gallo con altri codici tramite il lascito dell'abate di S. Gallo Kaspar von Breitenlandenberg (1442–1463), che negli anni 1439-1442 studiò diritto canonico a Bologna con Johannes de Anania. (len)

Online dal: 25.06.2015

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 722
Pergamena · V + 268 + II pp. · 25.5 x 16 cm · Italia; Rezia (Retia curiensis) · inizio del sec. VI / intorno all'800-820 / seconda metà dell'VIII sec.
Tractatus super Psalmos / Nehemias (Frammento) / Constitutiones Iustiniani imperatoris / Lex Romana Curiensis / Capitula Remedii

Importante testimone giuridico della Rezia: la "Lex Romana Curiensis" con i "Capitula" di Remedio, vescovo di Coira, preservati unicamente in tale codice, databile all'incirca all'800. (smu)

Online dal: 31.12.2005

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 725
Carta · 362 pp. · 29 x 21 cm · Germania sudoccidentale · terzo quarto del XV sec.
Schwabenspiegel preceduto da una Cronaca universale

Cronaca universale da Saturno di Creta fino al leggendario Brenno, duca di Svevia (col. 3a-17a). Segue lo Schwabenspiegel (Specchio svevo), con il diritto territoriale secondo la prima sistematica sistemazione in 79 capitoli fino all'articolo 343 (col. 17a-264b), e il diritto feudale fino all'articolo 158 (col. 264b-347a). Alla fine si trova un indice dell'intero contenuto del manoscritto (p. 350-361). (dor)

Online dal: 18.12.2014

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 726
Carta · 7-286 pp. · 29.5 x 21.5 cm · Germania sudoccidentale · fine del XIV / prima metà del XV sec.
Schwabenspiegel

Schwabenspiegel (Specchio svevo), diritto territoriale, articoli 1-86 (col. 7a-58a), articoli 155-219 (col. 59a-100b), e articoli 220-377 (col. 101a-187b), dopo l'articolo 40 è inserito il diritto territoriale, articolo 40§1 (col. 33a) del Deutschenspiegel, al diritto territoriale fa seguito il diritto feudale, articoli 1-120 e 122-154 (col. 187b-284a) e l'articolo 159 (col. 284a-285a). (dor)

Online dal: 18.12.2014

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 727
Pergamena · 128 ff. · 31.0 x 21.0 cm · Reims · terzo quarto del sec. IX
Collezione capitolare di Ansegiso, abate di Fontenelle; capitolari contraffatti di Benedetto Levita

Importante manoscritto giuridico dell’era carolingia, realizzato nel terzo quarto del IX secolo, probabilmente a Reims. Tramanda la collezione capitolare di Ansegiso, abate di Fontenelle († 833), e i capitolari contraffatti di Benedetto Levita. Nel 1673/74, a Parigi, fu dato in prestito ad Etienne Baluze. (smu)

Online dal: 09.12.2008

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 728
Pergamena · 220 pp. · 25.5 x 16 cm · metà del sec. IX
Manoscritto miscellaneo(collezione dei capitolari di Ansegiso, Lex Salica, Lex Ribuaria)

Il più antico catalogo manoscritto dell'abbazia di S. Gallo (IX secolo), seguito da una ragguardevole collezione di testi giuridici (i capitolari di Ansegiso, la "Lex Salica", la "Lex Ribuaria"). (smu)

Online dal: 31.12.2005

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 729
Pergamena · 203 ff. · 23.0-23.5 x 15.5 cm · Francia (probabilmente in prossimità della corte) · primo quarto del sec. IX
Raccolta di leggi in latino: Lex Romana Visigothorum, Lex Salica, Lex Alamannorum.

Raccolta di leggi in latino, realizzata in Francia occidentale nel primo quarto del IX secolo. Include la “Lex Romana Visigothorum” (collezione di leggi del diritto romano promulgate da Alarico II, re dei Visigoti), la “Lex Salica” (codice delle leggi germaniche fatto redigere da Clodoveo, fondatore del regno franco) e la “Lex Alamannorum” (le fondamenta del diritto degli Alemanni – inizi del secolo VIII). Pervenuta all’abbazia di San Gallo quasi subito dopo il suo allestimento, tale raccolta venne in seguito ceduta; nel XVI era censita tra le proprietà dell’erudito Aegidius Tschudi (1505-1572), i cui eredi lo vendettero nel 1768 alla Biblioteca abbaziale di San Gallo. (smu)

Online dal: 09.12.2008

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 730
Pergamena · 88 pp. · 20.5 x 14 cm · Bobbio (?) · 670/680
Edictum Rothari (Veterum Fragmentorum Tomus III)

Editto di Rotari, conservato in frammenti. È la più antica copia della raccolta di leggi dei Longobardi redatta e promulgata da re Rotari (636-652) nel 643. Realizzata probabilmente a Bobbio e databile agli anni 670/680, è conservata in frammenti divisi tra la biblioteca abbaziale di San Gallo, la Badische Landesbibliothek Karlsruhe, la Zentralbibliothek di Zurigo e l’Archivio di Stato del cantone Zurigo. La maggior parte dei frammenti, che nel 1822 furono riunti in un volume dal bibliotecario dell'abbazia Ildefons von Arx, si trova nella biblioteca abbaziale di San Gallo. Nel 1972 i frammenti di pergamena dell'Editto di Rotari dell'abbazia di San Gallo furono riuniti in un nuovo volume - non senza rischi per la conservazione - insieme a delle foto in bianco e nero dei frammenti che si trovano a Karlsruhe e Zurigo. Nel 2008 le foto furono poi rimosse dal restauratore Martin Strebel, e contemporaneamente questo manoscritto, di grande importanza per la storia del diritto, fu di nuovo rilegato usando le più moderne tecniche di restauro dei libri. Il lavoro fu possibile grazie al sostegno degli Amici dell'Abbazia di San Gallo, i quali ne coprirono le spese. (smu)

Online dal: 31.07.2009

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 731
Pergamena · 342 pp. · 22.5 x 13 cm · Lione · 794
Lex Romana Visigothorum, Lex Salica, Lex Alamannorum

Il cosiddetto codice "Wandalgarius", nel quale sono conservate la "Lex Romana Visigothorum", la "Lex Salica" e la "Lex Alamannorum". Codice giuridico di rilievo, scritto nel 793 e decorato, con numerose iniziali a colori e con una miniatura raffigurante un legislatore incoronato, dal chierico Wandalgarius a Lione. Preserva le leggi dei Visigoti (Lex Romana Visigothorum), dei franchi Salii (Lex Salica) e degli Alemanni (Lex Alamannorum). È il più antico codice della Biblioteca abbaziale di San Gallo datato con esattezza. (smu)

Online dal: 12.12.2006

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 732
Pergamena · 194 pp. · 19 x 14 cm · Baviera (?) · primo quarto del sec. IX
Codice miscellaneo: “Lex Alamannorum”, un’importante collezione dei primi resoconti di pellegrinaggi a Gerusalemme, un trattato sull’Assunzione di Maria, un elenco dei popoli franchi, delle interpretazioni della professione di fede e i cosiddetti “Annales Sancti Galli breves” ecc.

Codice miscellaneo del primo quarto del IX secolo, verosimilmente scritto in Baviera. Contiene, tra l’altro, una copia della “Lex Alamannorum” (le fondamenta del diritto degli Alemanni), un’importante collezione dei primi resoconti di pellegrinaggi a Gerusalemme – tra cui l’“Itinerarium Burdigalense”, resoconto di un pellegrinaggio del 333/4 da Bordeaux a Roma –, un trattato sull’Assunzione di Maria, un elenco dei popoli franchi, delle interpretazioni della professione di fede e i cosiddetti “Annales Sancti Galli breves”, breve storia dell’abbazia S. Gallo che copre gli eventi compresi tra gli anni 703 e 869. (smu)

Online dal: 09.12.2008

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 733
Pergamena · 46 ff. · 18.0-18.5 x 11.0-11.5 cm · Sud-ovest della Germania · primo quarto del sec. IX
Collezione di capitolari del tempo di Carlo Magno

Manoscritto d’uso, di piccolo formato, contenente una collezione di capitolari del tempo di Carlo Magno. Tramanda numerosi editti promulgati da Carlo Magno tra il 779 e il 789, in un’eccellente versione, talvolta la migliore, talvolta l’unica. Tra essi, i capitolari di Herstal del 779 e la celebre “Admonitio generalis” del 789. La rilegatura carolingia originale è conservata in modo eccellente. (smu)

Online dal: 09.12.2008

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 742
Pergamena · 594 pp. · 45-45.5 x 28-29 cm · Italia e Francia (miniatura) · seconda metà del sec. XIII e seconda metà del sec. XIV
Copia in formato grande delle Decretali promulgate nel 1234 da papa Gregorio IX

Copia rappresentativa delle Decretali di papa Gregorio IX (papa dal 1227 al 1241), scritta in gotica rotunda italiana. Il testo delle Decretali è incorniciato dalla cosiddetta Glossa Ordinaria, un commento giuridico del canonista Bernardo de Botone da Parma († 1266), scritto intorno al testo principale. Questo commento è stato più tardi intensivamente rielaborato e glossato. L’inizio di ognuna delle cinque parti nelle quali è suddiviso il testo è decorato da una raffigurazione scenica del contenuto. (smu)

Online dal: 31.03.2011

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 745
Pergamena · 88 ff. · 39 x 24.5–25 (Teil I) cm; 42.5–43 x 29 (Teil II) cm · Italia · metà del XIII / inizio del XIV sec. (parte I), XIV sec. (parte II)
Johannes de Deo: Liber iudicum · Bonus Johannes: Ordo iudiciarius · Manfredus de Arriago: Tabula decretalium · Dinus de Mugello: Super regulis iuris Libri Sexti

Il manoscritto in due parti è stato scritto in Italia nel periodo compreso tra la metà del XIII secolo e l'inizio del XIV secolo. Tramanda da una parte scritti a carattere procedurale, tra i quali il poco conosciuto Ordo iudiciarius Quoniam ut ait apostolus, e dall'altra repertori e opere generali sul diritto decretale. Il manoscritto venne probabilmente in possesso, del cittadino di S. Gallo Johannes Widembach († 1456) tramite un canonico zurighese, prima di giungere in possesso della biblioteca abbaziale di S. Gallo nel XVI secolo. (len)

Online dal: 18.12.2014

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 746
Pergamena · 576 pp. · 28.5 x 24 cm · Italia · seconda metà del XIII -prima metà del XIV sec.
Codex Justinianus

Il manoscritto, ornato da iniziali filigranate e da alcuni disegni a penna, fu scritto in Italia nella seconda metà del XIII secolo o al più tardi all'inizio del XIV sec. Trasmette il Codex Justinianus (Libri 1–9), il relativo apparato di glosse di Accursius e un gran numero di altre glosse nei margini. Il manoscritto giunse alla biblioteca di S. Gallo al più tardi nel XVI secolo, tramite i due cittadini di S. Gallo Conrad Särri e Johannes Widembach († intorno al 1456). (len)

Online dal: 18.12.2014

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 749
Pergamena · 137 pp. · 39 x 24.5–25 (Teil I) cm; 42.5–43 x 29 (Teil II) cm · Italia e Francia (?) · seconda metà del XIII secolo - prima metà del XV secolo
Tres Libri Codicis cum glossis anteaccursianis et glossa ordinaria · Libri feudorum · Glossa ordinaria in libros feudorum

Il manoscritto, composto di quattro parti, fu scritto principalmente nella seconda metà del XIII secolo, rispettivamente nella prima metà del XIV secolo in Italia e forse in parte in Francia. Trasmette i Tres libri Codicis (i Libri 10–12 del Codex Justinianus) con le glosse, il Libri feudorum, la rispettiva Glossa ordinaria e altri brevi scritti. Particolarmente preziose sono le glosse preaccursiane, che in parte si conservano nella forma originale ai Tres libri Codicis. Il manoscritto giunse alla biblioteca di S. Gallo al più tardi nel XVI secolo, tramite il cittadino di S. Gallo Johannes Widembach († intorno al 1456). (len)

Online dal: 18.12.2014

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 751
Pergamena · 500 pp. · 27.5-28 x 18-18.5 cm · probabilmente Italia del Nord · seconda metà del sec. IX
Compendio di 39 testi medici

Compendio di 39 testi medici di autori conosciuti e sconosciuti, trascritto nella seconda metà del IX secolo probabilmente nel nord d’Italia, ma presto giunto alla biblioteca abbaziale di San Gallo. Il codice tramanda – in parte nell’unica versione esistente – un glossario greco-latino di piante disposto in ordine alfabetico, il trattato “De re medica” di uno Pseudo-Plinio (Physica Plinii) e un più lungo trattato medico, chiamato “Liber Esculapii”. (smu)

Online dal: 23.12.2008

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 752
Pergamena · 326 pp. · 25 x 19 cm · San Gallo · intorno al 900
Collezione di testi medici: il capitolo sulla medicina di Plinio il Giovane; il “Medicinae ex oleribus et pomis” di Gargilio Marziale; il trattato “Oxea et chronia passiones Yppocratis, Gallieni et Urani” ecc.

Collezione di testi medici composta intorno all’anno 900 al convento di San Gallo. Annovera la versione in alcuni casi migliore, in alcuni addirittura l’unica esistente al mondo, di trattati medico-farmaceutici, diversi in versione più breve, cinque più lunga. Tra essi, ad esempio, il capitolo sulla medicina di Plinio il Giovane, il “Medicinae ex oleribus et pomis” (“Farmaci estratti da ortaggi e frutti“) dell’agrario e medico Gargilio Marziale (III secolo) e il trattato “Oxea et chronia passiones Yppocratis, Gallieni et Urani”, tramandato da pochissimi codici. Vi si trova anche (al foglio 82) una sfera magica per la previsione della vita e della morte. (smu)

Online dal: 09.12.2008

Preview Page
St. Gallen, Stiftsbibliothek, Cod. Sang. 754
Carta · 171 pp. · 21.5 x 15.5 cm · Glarona · 1466
Libro di medicina tedesco

Raccolta di testi di medicina tedesco. L'inizio manca; segue la Ordnung der Gesundheit per Rudolf von Hohenberg (pp. 3-60), diverse ricette di medicina, magia e alimentazione (pp. 63-101), tra le quali, fra le altre, trattati sull'avvoltoio e la verbena dal Bartholomäus (pp. 64-69), „Verworfene Tage“ (pp. 69-71), ricette per fabbricare l'aceto (S. 73-76), estratti dal Buch der Natur di Corrado di Megenberg (pp. 82-85), ricette nelle quali si utilizza lo „Schwalbensteins“ (pp. 89-90), pronostici per l'anno nuovo ed i tuoni (pp. 90-94), ricette per fabbricare il vino (pp. 95-101). Erbario con estratti dal Macer Floridus di Odo von Meung (pp. 101-146), ricette di medicina (pp. 146-147), campo di applicazione della medicina secondo il Macer Floridus (pp. 147-161), ricette contro il ritten (p. 162). Alla fine, a p. 164 si trova un disegno colorato della Agrimonia. Il manoscritto è parente del codice della Staats- und Stadtbibliothek di Augusta 2° Cod. 572. Proviene dalla biblioteca di Egidio Tschudi (Nr. 117). (dor)

Online dal: 23.09.2014

Documenti: 1458, Mostrati: 1181 - 1200