Documenti: 10

Lausanne, Bibliothèque cantonale et universitaire - Lausanne

Preview Page
Lausanne, Bibliothèque cantonale et universitaire - Lausanne, IS 1841
Pergamena · a-c + I + 56 + II-IV + d-f ff. · 38.3 x 26.5 cm · Francia · XIII sec.
Liber sapientiae glossatus

Il manoscritto, di origine francese, fece parte sicuramente dal XIV secolo della libraria secreta del convento di S. Francesco di Assisi, come attesta la sua presenza nell’inventario della biblioteca del convento redatto nel 1381 da frate Giovanni Ioli, che si occupò del suo riordino tra il 1377 e il 1384. Comprendeva in origine non solo il Liber sapientiae ma anche il terzo e quarto libro delle Sentenze di Pietro Lombardo. Fa parte di un consistente gruppo di manoscritti di origine francese, alcuni riccamente decorati, che furono acquisiti dal convento sin dalla fondazione della biblioteca. Il codice era ancora integro nel 1924, quando era in possesso dell’antiquario Leo Olschki; nel 1960, ormai smembrato, fu acquistato dalla Biblioteca cantonale e universitaria di Losanna presso l’antiquario ginevrino Nicolas Rauch. (ber)

Online dal: 14.12.2018

Preview Page
Lausanne, Bibliothèque cantonale et universitaire - Lausanne, IS 4254
Pergamena · 22 ff. · 20.4 x 15.5 cm · primo terzo del sec. XV
Othon de Grandson, Poesie

Othon de Grandson, cavaliere e poeta, si mise in evidenza altrettanto bene con i suoi versi che cons i suoi fatti d’armi in occasione della guerra dei cent’anni. Fu consigliere di Amedeo VII di Savoia. Alla morte del suo sovrano fuggì in Inghilterra. Rientrato nel Paese di Vaud, morì in un duello giudiziario a Bourg-en-Bresse nel 1397. Attraverso le sue poesie, Othon de Grandson contribuì notevolmente a far conoscere San Valentino, fino ad allora celebrato soprattutto nel mondo anglosassone. (swe)

Online dal: 31.03.2011

Preview Page
Lausanne, Bibliothèque cantonale et universitaire - Lausanne, M 454
Pergamena · 124 ff. · 28.5 x 20 cm · Francia · prima metà del sec. XIV
Roman de la Rose

Questo codice data della prima metà del sec. XIV e contiene una copia del Roman de la Rose, un poema allegorico in antico francese composto nel sec. XIII da Guillaume de Lorris e Jean de Meung. Questo esemplare, che costituisce una delle più di 300 copie complete o parziali che sopravvivono, è fittamente annotato e denota l’uso da parte di vari diversi lettori. (sti)

Online dal: 21.01.2011

Preview Page
Lausanne, Bibliothèque cantonale et universitaire - Lausanne, M 1016
Carta · 141 ff. · 29 x 20 cm · Ginevra · XVI sec.
«Recueil Grenet»

Il cosiddetto «Recueil Grenet» è un manoscritto poetico realizzato dal mercante ginevrino Gilbert Grenet (1510?-1568) e raccoglie delle poesie francesi composte nei decenni 1530-1560. La raccolta si apre con una quarantina di epistole e di «dizains» (in dieci versi) di Clément Marot probabilmente copiate durante e dopo il soggiorno del poeta a Ginevra (1542-1543). Seguono delle poesie anonime sulle virtù dell'educazione e dell'arte di scrivere. Si conclude con una quarantina di epigrammi e poesie varie che lodano la Riforma e polemizzano contro il cattolicesimo. In alcuni casi si tratta di riscritture personali di testi di Théodore de Bèze e Ronsard. Il codice, parzialmente decorato, illustra il ruolo rivestito dalla poesia militante negli ambienti commerciali che sostenevano la Riforma a Ginevra all'epoca di Calvino. È stato acquistato dalla Biblioteca cantonale e universitaria di Losanna nel 1844. (dou)

Online dal: 12.12.2019

Preview Page
Lausanne, Bibliothèque cantonale et universitaire - Lausanne, Ms 350
Carta · 181 ff. · 22 x 14.5 cm · intorno al 1430
Othon de Grandson, Les Responses des cent Balades

Othon de Grandson, cavaliere e poeta, si mise in evidenza altrettanto bene con i suoi versi che con i suoi fatti d’armi in occasione della guerra dei cent’anni. Fu consigliere di Amedeo VII di Savoia. Alla morte del suo sovrano fuggì in Inghilterra. Rientrato nel Paese di Vaud, morì in un duello giudiziario a Bourg-en-Bresse nel 1397. Othon de Grandson compose i suoi poemi probabilmente tra il 1366 e il 1372. Questa raccolta contiene parimenti delle ballate dovute a tredici diversi autori. (swe)

Online dal: 31.03.2011

Preview Page
Lausanne, Bibliothèque cantonale et universitaire - Lausanne, Ms 398
Pergamena · 1 f. · ca. 14.5 x 18.5 · Fulda · ca. 830
Iordanes Gothus, De origine actibusque Getarum (frammento)

Il frammento dallo scriptorium del monastero di Fulda costituisce, insieme all'Heidelberg, Universitätsbibliothek Pal. lat. 921, per uno dei due manoscritti documentabili dei Getica di Giordane in una minuscola anglosassone (continentale); non si tratta tuttavia di una parte dell'ultimo foglio, mancante dall'inizio del XIX secolo, del Pal. lat. 921. Unitamente a Palermo, Archivio di Stato "Codice Basile" e Roma, Biblioteca Vaticana Ottob. lat. 1346, e insieme al Pal. lat. 920 il resto di foglio appartiene al più antico testimone dei Getica. Potrebbe costituire una parte di un manoscritto di Giordane la cui presenza a Fulda è attestata fino alla metà del XVI secolo. (stb)

Online dal: 13.10.2016

Preview Page
Lausanne, Bibliothèque cantonale et universitaire - Lausanne, Ms 403
Pergamena · 113 ff. · 24 x 12.3 cm · Francia? · fine del XII secolo
P. Ovidii Nasonis, Metamorphoses

Il manoscritto, scritto in una gotica primitiva e datato alla fine del XII secolo, contiene una copia incompleta delle Metamorfosi di Ovidio (2,52 – 3,466; 3,651 – 14,43; 14,414 – 15,668). Presenta glosse marginali e interlineari così come delle varianti di mani diverse. (del)

Online dal: 22.06.2017

Preview Page
Lausanne, Bibliothèque cantonale et universitaire - Lausanne, Ms 5011
Pergamena · IV + 45 ff. + V-VIII ff. · 33.5 x 22. 5 cm · Romainmôtier (?) · XII sec. (ff. 1-30) ; ca. 1300 (ff. 31-45)
Cartulario del priorato cluniacense di Romainmôtier (Svizzera, canton Vaud)

Il manoscritto è un cartulario redatto in favore del priorato cluniacense di Romainmôtier (canton Vaud) e probabilmente copiato nel monastero. Si compone di due parti distinte cronologicamente e riunite ad una data sconosciuta. La prima parte risale al XII sec. e si compone di 77 documenti, preceduti da una prefazione che narra i principali avvenimenti della storia antica dell’istituzione. La seconda parte è stata copiata alla fine del XIII sec. e contiene 80 documenti, la maggior parte dei quali risalgono agli anni 1270-1286. (anm)

Online dal: 29.03.2019

Preview Page
Lausanne, Bibliothèque cantonale et universitaire - Lausanne, U 964
Pergamena · VI + 522 + VI ff. · 33 x 24.5 cm · Francia · fine del sec. XIII
Biblia Porta

La Biblia Porta, dal nome del suo ultimo proprietario, contiene una bibbia miniata nella regione franco-fiamminga e databile alla fine del sec. XIII. La ricchezza di quest’opera, eccezionale ed unica, risiede nella qualità dell’illustrazione del testo: 337 scene di grande finezza artistica, piene di vita e di espressione, illustrano la vita degli uomini nel medioevo e la loro visione del mondo. L’apparato illustrativo è costituito da iniziali istoriate, iniziali ornate, drôleries e illustrazioni marginali. Il testo, scritto con una calligrafia molto accurata su della fine pergamena, è quello della versione latina della bibbia di s. Gerolamo riveduta a Parigi nel secondo quarto del XIII sec. Il codice è una delle rare opere ancora esistenti al mondo di questa scuola di miniatura del nord della Francia. (min)

Online dal: 21.12.2009

Preview Page
Lausanne, Bibliothèque cantonale et universitaire - Lausanne, V 1765
Pergamena e carta · 117 ff. · 25 x 18.5 cm · 1a parte: Italia; 2a parte: Francia o Svizzera · 1a parte: fine XIV-inizio XV sec. (palinsesto XIII sec.); 2a parte: XV sec.
Enrico Suso, Horologium Sapientiae, Francesco Petrarca, De Vita Solitaria

Questo codice contiene due testi diversi, entrambi incompleti, riuniti in una legatura del XIX secolo. Si tratta da una parte dell’Horologium Sapientiae (1-66) di Enrico Susone, il cui testo originale fu scritto a Costanza e che conobbe una grande diffusione nel tardo Medioevo, e dall’altra del De Vita Solitaria di Francesco Petrarca (67-116). Il primo è un manoscritto su pergamena di origine italiana, databile alla fine del XIV-inizio XV secolo, scritto da una sola mano in una gotica semicorsiva su due colonne. La sua particolarità è di utilizzare della pergamena palinsesta sulla quale erano stati copiati nel XIII secolo dei testi giuridici. Il secondo, di altra mano e di origine francese o svizzera, presenta una copia del testo di Petrarca in una minuscola bastarda, su due colonne, databile al XV secolo. Entrambe presentano qualche iniziale filigranata e sono cosparse di maniculae. (fav)

Online dal: 10.10.2019

Documenti: 10