Seleziona un manoscritto di questa collezione: Ms. liturg. FiD 1  Ms. liturg. FiD 1 Ms. liturg. FiD 5  Ms. liturg. FiD 7  2/4
Paese di conservazione:
Paese di conservazione
Svizzera
Luogo:
Luogo
Romont
Biblioteca / Collezione:
Biblioteca / Collezione
Abbaye de la Fille-Dieu Romont
Segnatura:
Segnatura
Ms. liturg. FiD 2
Titolo del codice:
Titolo del codice
Frammenti di antifonari cistercensi primitivi
Caratteristiche:
Caratteristiche
Pergamena · 4 pp. · 36 x 24.5 cm · intorno al 1136/1140
Lingua:
Lingua
Latino
Descrizione breve:
Descrizione breve
Questi frammenti di antifonari, copiati intorno al 1136/1140, grattati e corretti intorno al 1140/1143, costituiscono una copertina vuota. Questi pezzi di pergamena di diversi formati sono senza dubbio stati incollati gli uni agli altri dalle monache della Fille-Dieu per ricoprire un formulario liturgico oggi scomparso. FiD 2 costituisce, con FiD 1, i residui di antifonari contenenti la liturgia cistercense primitiva. Questa è stata definita da Fr. Kovacs («Fragments du chant cistercien primitif», ASOC 6 [1950], p. 140–150) e Chr. Waddell (The Primitive Cistercian Breviary, Fribourg, 2007 [Spicilegium Friburgense 44]) come la liturgia riformata da Étienne Harding poco dopo il 1108. In occasione di questa riforma, l'abate di Cîteaux impose all'ordine di adottare l'antifonario di Metz. Questo fu in vigore nell'ordine fino all'epoca della seconda riforma, affidata a Bernardo di Clairvaux. Fu conclusa agli inizi degli anni 1140. L'esistenza di bozze bernardiniane era finora nota dall'antifonario 12A-B conservato presso l'abbazia di Westmalle (Belgio) e da quello dell'abbazia di Tamié 6 (Savoia). Le analisi codicologiche delle carte di guardia di FiD1 e dei frammenti FiD 2 rivelano che l'insieme dei documenti proviene dal monastero svizzero della Fille-Dieu; condividono uno statuto identico e delle caratteristiche comuni, indipendentemente dall'attuale luogo di conservazione. Rivelano le medesime prime mani e mani correttrici, le stesse ornamentazioni e gli stessi ritocchi tardivi realizzati al più presto nel XVI secolo, probabilmente dalle monache o dai monaci dell'abbazia di Hautcrêt (Oron, VD) che fu, fino al 1536, abbazia madre della Fille-Dieu. (sca)
DOI (Digital Object Identifier):
DOI (Digital Object Identifier
10.5076/e-codices-fdr-0002 (http://dx.doi.org/10.5076/e-codices-fdr-0002)
Collegamento permanente:
Collegamento permanente
https://www.e-codices.unifr.ch/it/list/one/fdr/0002
IIIF Manifest URL:
IIIF Manifest URL
IIIF Drag-n-drop https://www.e-codices.unifr.ch/metadata/iiif/fdr-0002/manifest.json
Come citare:
Come citare
Romont, Abbaye de la Fille-Dieu Romont, Ms. liturg. FiD 2: Frammenti di antifonari cistercensi primitivi (https://www.e-codices.unifr.ch/it/list/one/fdr/0002).
Online dal:
Online dal
22.03.2018
Diritti:
Diritti
Immagini:
(Per quanto concerne tutti gli altri diritti, vogliate consultare le rispettive descrizioni dei manoscritti e le nostre Norme per l’uso)
Tipo di documento:
Tipo di documento
Frammento
Secolo:
Secolo
XII secolo
Liturgica christiana:
Liturgica christiana
Antifonario
Notazione musicale:
Notazione musicale
Si
Notazione musicale:
Notazione musicale
Neumi su rigo
Strumento d'Annotazione - Accedere
Non c'è ancora nessuna annotazione per questo manoscritto. Siate i primi a crearne una!
Aggiungere un'annotazione
Strumento d'Annotazione - Accedere

Alicia Scarcez, Liturgie et musique à l'Abbaye cistercienne Notre-Dame de la Fille-Dieu (Romont). Histoire et catalogue des sources de sept siècles de vie chorale , Spicilegii Friburgensis Subsidia 25, Fribourg 2015, p. 23-39 et 69-72.

Aggiungere un riferimento bibliografico

Immagini di riferimento e legatura


Digital Colorchecker